CINQUE PERSONAGGI DELL'OPERA cinque punti di vista di Lisa Santucci - "I sassi neri"


CINQUE PERSONAGGI DELL'OPERA cinque punti di vista di Lisa Santucci - "I sassi neri"

Prezzo vecchio 8,00 €
6,80
Prezzo IVA inclusa


QUESTO RACCONTO HA PARTECIPATO AL PROGETTO LETTERARIO DI ISEAF BOOKS  "I SASSI NERI" E FA PARTE DI QUELLI SELEZIONATI DAI LETTORI E DALLA SPECIALE GIURIA RACCOLTI NELLA ANTOLOGIA  DEDICATA.

 

QUI PUOI ACQUISTARE IL LIBRO IN FORMATO E.BOOK

 

I_sassi_enri

SE VUOI ACQUISTARE IL LIBRO IN FORMATO CARTACEO CLICCA QUI

CLICCA PER ACCEDERE AL RACCONTO

 

LISA SANTUCCI vive e lavora a San Bartolomeo al mare (IM) - Laureata in Media Design con specializzazione in sceneggiatura, scrittura creativa e narrativa.

Dice di sé:  Fino ad ora ho scritto tutti i lavori e i cortometraggi che ho girato, anche in gruppo, grazie alla mia attitudine per le storie. I miei racconti sono un po’ complessi, sempre sospesi, riflettono sulla verità, in un certo senso (non è sempre facile capire chi ha ragione o cosa è successo) e al centro di tutto metto il personaggio/i. Le relazioni di causa/effetto dipendono dalla coerenza di un personaggio con se stesso e con gli altri: concentrandosi su di lui, cosa vuole, perché lo vuole e quali sono i suoi tratti caratteriali, la storia è per metà già fatta, e la successione degli eventi è quasi naturale. Questa è l’essenza dello stile con cui ho sempre scritto, in poche parole. Spero di riuscire ad emozionare i lettori, a farli riflettere, a confonderli, portandoli a rileggere ed elaborare così come le immagini dei migliori film riescono a fare.

Commenta così i lavori che ci ha presentato: Famiglia di madre, padre e figlia. Sono in sede di divorzio e il giudice ha chiesto una valutazione psicologica di entrambi. La bambina è presa tra due fuochi e non sa bene come reagire, seguendo la corrente aspettando che gli altri decidino. Il padre è frustrato, ha un passato da caffeinomane per cui è finito all’ospedale, inconsciamente attratto dalla figlia. Egocentrico in apparenza ma costantemente condizionato dagli altri. La madre ha un attaccamento morboso alla figlia, tanto da stringerla e piegarla. Spesso si sente involontariamente in competizione per le attenzioni del marito. È convinta di saper leggere le persone, di conoscerne le azioni, senza mai dubitare di se stessa, se non alla fine, proprio credendo alle parole del marito che dovrebbe odiare.

Un punto di vista esterno lo offrono lo psicologo e il ragazzo suo figlio. Il primo cerca di mantenere un atteggiamento distaccato, cadendo poi nell’ipocrisia e menefreghismo concedendo ingiustamente l’idoneità ad entrambi. Il ragazzo si sente in colpa per aver ignorato la piccola e non avergli offerto supporto, benchè potesse capire i suoi sentimenti, in quanto ha vissuto una situazione simile

 

 

Cerca anche queste categorie: FANTASY, RACCONTI, ROSA, Home page