L'INFINITA STORIA DELLE PICCOLE COSE di Giuseppe Bianco - I sassi neri - Versione E.book


L'INFINITA STORIA DELLE PICCOLE COSE di Giuseppe Bianco - I sassi neri - Versione E.book

Prezzo vecchio 0,00 €
0,00
Prezzo IVA inclusa


IN LAVORAZIONE - NON DISPONIBILE

(VERSIONE E-BOOK)

LA RACCOLTA DI UNDICI RACCONTI "L'INFINITA STORIA DELLE PICCOLE COSE" DI GIUSEPPE BIANCO È STATA PRESENTATA PER IL PROGETTO LETTERARIO "I SASSI NERI".

l'INCIPIT DELL'OPERA È RIPORTATO NELLA SEZIONE BLOG - ACCEDI GRATUITAMENTE

 

GIUSEPPE BIANCO vive e lavora a Caivano (Na)

 

Ci presenta undici personaggi della vita di oggi per considerazioni pessimistiche ma che sottintendono una forte volontà di lotta per un mondo più umano.

Il titolo “L’infinita storia delle piccole cose”, spiege lo stesso autore, è nato da un’attenta osservazione della realtà e dall’amara consapevolezza  che “l’essere” è rimasto indietro.

Al di là del colore, della razza, della religione le persone vengono manipolate nel corpo e nei pensieri da un sistema che ammette solo le ragioni del profitto e del  potere.

Le persone purtroppo vengono trattate come cose, non come uomini, donne o bambini, ma cose.

Una lettura scorrevole ma mai superficiale,  pone problemi esistenziali senza avere alcuna presunzione di dare delle risposte definitive.

Undici personaggi che vagano tra la realtà, il sogno e il fantastico alla ricerca di un mondo più gratificante  e giusto.

In quasi tutti i racconti aleggia un pessimismo di fondo dovuto all’incertezza dei nostri tempi: tante ombre e poca luce. Quella luce che però rappresenta la speranza, senza la quale non vi sarebbe che disperazione.

Personaggi che sembrano, ma non sono dei vinti perché non si rassegnano e sono alla continua ricerca non di un riscatto sociale ma, propriamente umano.

“Dobbiamo batterci contro nemici invisibili: l’ipocrisia, l’invidia, la meschinità” è scritto in uno dei racconti. Ed a questi nemici invisibili  ne possiamo aggiungere tanti altri, ed è in questa perenne lotta che si cimentano i personaggi di questi racconti, per cercare di sconfiggere non solo i nemici, ma anche l’alienazione, uno dei peggiori tra i mali dell’umanità.

L’alienazione è la degradazione massima dell’uomo ove lo spirito e la mente non hanno alcun valore.

Si parla di tempo, del suo inestimabile valore. Nel racconto “Il valzer delle ore perdute” si legge “C’è sempre tempo fin quando ti accorgi di non  averne più.”

Non è una visione eraclitea del tempo  ma un desiderio di dare ad ogni attimo della vita un significato e un valore.

Undici racconti che hanno in ogni trama uno stesso protagonista: l’uomo e i suoi sogni, le sue speranze, le sue paure. Sono racconti a volte crudamente calati nella quotidianità, a volte acquistano una dimensione onirico-fantastica, ma sempre pregni di una umanità che cerca un riscatto dalla banalità che coinvolge un po’ tutti.

 

Cerca anche queste categorie: AVVENTURA, FANTASY, RACCONTI, Home page