Valdaj

Arturo e la magia del bosco

In un bosco del Valdaj, non lontano dalla riva di uno dei suoi tanti fiumi,
c’era una tana calda e comoda dove abitava una famiglia di topi
molto unita: padre, madre, cinque topolini e la loro vecchia nonna.
Una mattina furono svegliati da un rumore strano.
Era come se qualcuno, proprio sopra la tana, corresse velocemente
tacchettando con forza qua e là.
«Vado a vedere chi è…» squittì il più piccolo e più curioso dei topolini.
Suo padre lo bloccò.
«Lo faccio io!» disse con tono severo.
Fece capolino, con cautela, dalla tana.
Quello che vide gli destò grande meraviglia: un piccolo uomo,
non più alto di lui.
Accatastava mazzi di paglia, formati da pochi steli,
a formare un mucchio.
«Chi sei?» chiese papà-topo.
Immaginava che quel piccolo uomo non potesse costituire un pericolo,
perciò uscì dalla tana.
Lo imitarono tutti i componenti della famiglia che, incuriositi,
lo avevano seguito.
Apparvero improvvisamente dietro papà-topo, a eccezione della nonna.
«Mi chiamo Cipolla Vite Naso» rispose il piccolo uomo.
«Naso… di nome?» chiese incredulo il topolino più piccolo.
«No, non Naso, Vite!» disse il fratello.
«No, lui si chiama… Cipolla!» li corresse la sorella.
«Silenzio!» li interruppe il padre.
«E cosa fai qui?» chiese rivolto al piccolo uomo.
«Io mi costruisco una capanna!» rispose quegli.
«E perché?»
«Per abitarci!»
«Perché? Non hai una casa?» chiesero in coro i topi.
«La mia casa non c’è più!» disse il piccolo uomo con tono afflitto.
Fu inondato da un coro di domande dei topi.

Valdaj è una storia per ragazzi di Anna Ershova

Per acquistare la prevendita del libro ad un prezzo speciale clicca qui