Foto di Stefan Keller da Pixabay  Mi chiudo la porta alle spalle e, insieme a quel colpo secco, mi lascio dietro tutto quel vociare che ha contribuito alla disfatta dei miei timpani nelle ultime due ore. Musica con volume a palla, risate sguaiate, parole sbiasciate,

Un altro mondo in un altro tempo Ero lì, disteso sul fondo ghiacciato, a fissare la volta stellata. Quando non riuscivo a riposare perché avevo subito una forte emozione, o ero molto preoccupato, avevo paura, oppure ero lacerato dall’attesa di un evento